in-bici-senza-sella

In Bicicletta Senza Sella – Generazione: precari

recensione in bici senza sellaIl film si costruisce su sei episodi girati da cinque diversi registi emergenti. Tema comune degli episodi  è il precariato e l’ossessione irraggiungibile del posto fisso. 

La forza del film è che gli episodi sono attuali, divertenti e con una piccola spolveratina di grottesco che non fa male. Non c’è un episodio migliore o uno peggiore, perché a seconda di qual è il vissuto dello spettatore ognuno si identificherà (e quindi troverà “migliore”) in uno o nell’altro.

Ma quale immortalità !! Non riusciamo manco arrivare a fine mese Click To Tweet

Personalmente li ho trovati tutti apprezzabili e con punte di comicità e allegorie sociali non da poco. I protagonisti siamo noi, giovani e meno giovani costretti a combattere per lavorare e quindi per vivere. Nonostante questo la visione della situazione attuale risultante è si drammatica, ma con una speranza.. perché si sa, siamo italiani e nelle difficoltà tiriamo fuori il meglio. Se riuscite a trovarlo, guardatelo!

In ordine sparso, gli episodi sono: “Sacro Gral” nel quale una coppia di svuota.cantine trova il boccale dell’immortalità, “Crisalide” in cui una donna per paura di perdere il posto fisso causa una gravidanza si finge bulimica, “Precari Della Notte” palese riferimento al cult “Guerrieri della notte”, “Curriculum Vitae” racconto grottesco del “troppo qualificato”, “Il posto fisso” invece racconta di un incredibile colloquio per un posto a tempo indeterminato, l’ultimo è “Parassita” nel quale troviamo un protagonista muto che vive a casa del datore di lavoro che lo ha licenziato

Voto: 8

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *