pvp  imm

Pagina VS Pellicola | The Shining


Una premessa è d’obbligo… 

Quella che vi apprettate a leggere è forse una delle più ambiziose prove che un appassionato di cinema e una di libri si potessero mai cimentare. Il padre contro il figlio, il maestro contro il discepolo, l’opera genitrice contro la trasposizione… Pagina  contro Pellicola

In quest’insana “intervista doppia” verremo accompagnati da Jenny de La casa del gioco perduto.

Titolo Shiningb459e7e1dd5bd1a8e2324b540fe76c46
Autore Stephen King
Editore Bompiani
Genere Thriller/Horror
Pagine 588
Prezzo 13€

 

Titolo: The Shining771_big
Regista: Stanley Kubrick
Cast: Jack Nhicolson, Shelley Duvall,
Danny Lloyd
Data di uscita: 1980
Durata: 143 minuti
Genere: Horror/Thriller

Trama molto in breve

Sia il libro che il film narrano le vicende della famiglia Torrance all’interno dell’Overlook, imponente hotel del Colorado. Jack Torrance, il capofamiglia, troverà lavoro come custode invernale di questo hotel a seguito di un incidente all’università dove insegnava. Per sei mesi, tra autunno e inverno, dovrà stare solo con la moglie Wendy e il figlio Danny, completamente isolato dal resto del mondo, per colpa delle consistenti nevicate. L’unico mezzo della famiglia per muoversi sarà il gatto delle nevi e l’unico mezzo per comunicare sarà la radio, che rischia comunque di non essere utilizzabile per l’interruzione della linea a causa sempre della neve. Numerosi spettri gravano sulle loro vite. Prima di tutto c’è l’Overlook con la sua scia di sangue: suicidi, omicidi, strane presenze, sembrano caratterizzare l’oscura storia di questo hotel. Jack Torrance, scrittore fallito, dovrà fare i conti con i suoi problemi di alcolismo e con le vicende del precedente guardiano dell’hotel, che, impazzito, ha ucciso la propria famiglia per poi suicidarsi. Wendy sarà preda di costanti ansie relative al figlio e al futuro incerto della sua famiglia. Danny dovrà fare i conti con ilsuo essere speciale, con la sua capacità di vedere e sentire. L’Overlook cercherà di prenderli, parlando direttamente alla loro parte più oscura.

Personaggio Preferito

Libro: È difficile identificare un unico personaggio preferito, nonostante siano pochi. Stephen King è un maestro quando si tratta di caratterizzare psicologicamente i personaggi dei suoi romanzi. Di Jack, Wendy e Danny il lettore arriverà a conoscere tutto: desideri, paure, speranze. Li capirà così profondamente che con loro condividerà le loro vite e difficilmente li condannerà. Se proprio devo scegliere, il personaggio che più ho apprezzato è Danny. Non tanto perché può risultare in un certo grado più puro dei genitori, ma per il fascino che il suo essere sensitivo suscita in che legge. Sarà interessante scoprire le sue premonizioni ed esserne a tratti affascinati, a tratti spaventati. In più, per me è stato affascinante come King ha saputo cogliere la profondità che molti bambini hanno nel capire, intuire, al di là delle costrizioni che una mente adulta può avere.

Film: Nel film di Kubrick la scelta non può che ricadere sul Jack Torrance. Sarà forse scontata, ma non può che essere così. Jack Nicholson nei panni dello scrittore ormai arrivato al limite della sanità mentale è qualcosa di magnifico, ma allo stesso tempo agghiacciante. Il suo progressivo abbandono alla follia ha un climax crescente e culmina in una serie di scene rese indelebili dalla  sapiente mano del regista americano. Kubrick nella descrizione dei suoi personaggi è tutt’altro che immediato: indizi e simbolismi cercano di condurre lo spettatore nel labirinto della psicologia umana; labirinto nel quale finirà per perdersi anch’esso. La versione italiana non demerita, anzi, vi dirò di più: personalmente, con lo straordinario doppiaggio di Giancarlo Giannini, la preferisco.

Pr

Personaggio meno preferito

Libro: Scegliere il “meno preferito” è più facile. Per quanto io abbia apprezzato tutti i personaggi, quello che mi è risultato più fastidioso è Wendy. Come gli altri, è caratterizzata benissimo ed il lettore avrà modo di capire profondamente il suo comportamento, così come condividerà le sue giuste preoccupazioni da madre e il suo amore, a tratti contorto, insano, per Jack. Tuttavia, in alcuni momenti della lettura mi ha un po’ esasperata nel suo essere donna. Mi sarebbe piaciuto vedere la sua forza fin dall’inizio e non solo verso la fine.

Film: Questa è una scelta più difficile. Sia Madre e Figlio non mi sono mai stati particolarmente simpatici dal momento che hanno entrambi quello stile grottesco anni ottanta che proprio non riesco a digerire del tutto. Se dovessi proprio scegliere chi buttare alle ortiche direi quella piccola peste di Danny. Diciamolo chi sbrocca sarà anche il padre, ma ci sono forti indizi che la malattia sia genetica.

Punto di forza della trama

Libro: I punti di forza di questo libro, secondo me, sono due: come viene descritto il declino psicologico di Jack e l’Overlook, vero protagonista del romanzo. Sarà incredibile per il lettore addentrarsi così profondamente nella mente di un uomo contorto e soprattutto capirlo, senza condannarlo. Mentre l’Overlook, con la sua mole imponente, la sua atmosfera tetra, affascinerà il lettore, incutendogli un misto di riverenza e paura. L’Overlook non avvolge solo la famiglia Torrance nella sua storia, nella sua scia di sangue e paura, anche il lettore si troverà avvinghiato nelle sue spire.

Film: Il film è uno di quei pochi che mettono d’accordo tutti: è un capolavoro! La narrazione è concitata, ma riflessiva, intrigante e angosciante allo stesso tempo. Credo che il vero punto di forza sia come Kubrick sia riuscito a creare una struttura così geometrica e meticolosa nella regia e nell’evoluzione della trama (che è poi l’evoluzione del processo che porta alla pazzia umana) in un film del quale alla fine il senso è sfuggente e dà adito ad interpretazioni tra le più disparate.

Punto più debole della trama (se c’è)

Libro: La cosa che ho apprezzato meno è il destino dell’Overlook. Dopo averlo temuto e amato, avrei preferito un destino più glorioso. Non aggiungo altro per non rovinare la lettura a chi vorrà gustarsi questo romanzo.

Film: Non è un vero e proprio punto debole, ma non posso fare a meno di pensare che l’arrivo di un personaggio all’Overlook Hotel (non vi dico quale perché non voglio spoilerare nulla) sia un’espediente troppo comodo per lo svolgere degli eventi.

Cosa ha colpito maggiormente dell’intera narrazione

Libro: Come ho già accennato, ho apprezzato davvero molto la capacità narrativa di King. I personaggi ti entrano dentro, così come le atmosfere. Al lettore è dato modo di capire le vicende al di là dei meri fatti. Scoprirà un intricato complesso di trame che inevitabilmente lo trascineranno giù, con l’intera famiglia. Personalmente faccio fatica a considerare Shining un thriller, perché a tratti è un vero e proprio romanzo psicologico.

 

Film: L’evoluzione del personaggio di Jack resa in maniera spaventosamente inquietante da Kubrick! Il seme della pazzia è sempre stato dentro di lui, aveva solo bisogno di un incubatore, L’Overlook hotel, per poter fiorire. Altro punto di forza sono le immagini, in più di un’occasione le parole sono superflue e basta la composizione della scena per suscitare emozioni in chi guarda.

Giudizio complessivo finale (magari con un voto da 1 a 10)

Libro: Il romanzo mi è piaciuto moltissimo, la lettura è coinvolgente e mai pesante. È un libro che, nonostante la pesantezza che a tratti si può trovare nella psicologia dei personaggi, stupirà il lettore in ogni suo punto. Do un 9 invece di un 10, perché mi sarebbe piaciuto un finale più glorioso per l’Overlook.

Film: Kubrick non è il mio regista preferito, ma non mi resta che rimanere letteralmente estasiato per la sua perfezione maniacale e la sua genialità registica. Shining probabilmente è il suo film più trasversale, capace di farsi apprezzare da una grande fetta d pubblico perché in grado di scuoterti nel profondo. La paura non è per quello che potrai vedere, ma per quello che potrai provare! Kubrick è stato capace di far  fluire un sentimento dalla mente dei protagonisti dritto nel corpo dello spettatore. Film Imprescindibile, voto 9.5 .

-Max &Jenny –

Vuoi comprare il libro? Clicca qui!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *