zona

La Zona- La Paranoia come forma di Fortificazione

la_zona_07 L’importante è che stiano dentro!”

 

 

 

 

 

 

Città del Messico: un muro invalicabile, costellato da telecamere e filo spinato, divide la Zona, un quartiere residenziale fortificato della città nel quale vivono i più ricchi, da tutto il resto.
Un temporale e il crollo di un cartellone pubblicitario riescono ad aprire quel muro e tre ragazzi delle favelas riusciranno a penetrarvi, cambiando per sempre gli equilibri della zona.

L’opera di esordio di Plà è una forte denuncia a quei luoghi fortificati, le cosiddette “gated community”, che ormai in molti paesi, soprattutto in quelli del ” terzo mondo”, proliferano a vista d’occhio e alimentino la paura dell’intruso, dell’estraneo, portando alla creazione di queste zone nel quale persone omogenee socialmente si autoescludono e creano un’isola fortificata contro l’ambiente esterno.

Punti di forza del film, primo lungometraggio del regista, sono una fotografia impeccabile e una sceneggiatura dove tutto combacia alla perfezione, oltre che un tema scottante, che riguarda tutti noi, soprattutto ora.
Nel complesso un film emozionante, a tratti angosciante ma che ha molto da dire.

Voto 8.5

 

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *